Post VI – Locale/Globale Individuo/Collettività

La riorganizzazione della produzione e del consumo e l’uscita dal vecchio modello politico ed economico, si sviluppa secondo percorsi che mettono al centro non più solo l’individuo in quanto singolo ma l’individuo in quanto relazione alla collettività, una collettività sorretta dall’impegno e dalla partecipazione di tutti, senza esclusione. I laboratori dove realizzare questi esperimenti diventano i luoghi di lavoro, i quartieri delle grandi città, le piccole botteghe artigiane, le comunità agricole. Le forze in gioco sono più grandi di quelle del modello in declino, perché sono integrate nell’attuale macchina della produzione. Tra le “forze” indispensabili per realizzare il cambiamento troviamo le istituzioni locali, oggi spesso snaturate e in crisi per la trasformazione del loro ruolo.

La principale risorsa proviene da un’organizzazione collaborativa e non più competitiva delle forze, perché la finalità non è più solo il benessere individuale, ma l’interesse collettivo. Uno degli obiettivi di questo nuovo modello dovrebbe essere dunque l’armonizzazione dei desideri del singolo con gli interessi della collettività. Il punto di partenza può essere la messa in rete degli attuali esperimenti già funzionanti, seppur limitati ancora dal loro isolamento.

Questa voce è stata pubblicata in Sognare la Terra - Cultura KM Zero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>