Sognare la Terra

Soganre la Terra

Il Multiverso ha dato vita al progetto a�?Cultura KM Zeroa�? per avvicinare il mondo della��agricoltura, della filosofia e della cultura, investiti oggi dalle medesime sfide epocali: la mondializzazione delle merci, degli uomini, del bios, delle idee e il tentativo reiterato alla loro privatizzazione.

Agricoltura, produzione e cultura tra globale e locale: dove e come muoversi in questo spazio? Come dobbiamo pensare il nostro futuro?

La��idea di una produzione sostenibile non puA? essere pienamente attuata se non A? accompagnata anche da un ripensamento dei modi della distribuzione, del consumo e del rapporto produttore-A�consumatore. Questo ripensamento richiede una profonda revisione di alcune categorie fondamentali della nostra cultura, economia e politica.

Ragionare sulla produzione e sul consumo di un prodotto significa ragionare sul modo piA? generale di abitare e gestire la terra. Le aziende che lavorano seguendo i principi della sostenibilitA� e del km zero, i gruppi di acquisto solidale e le reti di produttori e consumatori che intorno ad essi si sviluppano, diventano laboratori di pratiche economiche e sociali che possono ispirare cambiamenti piA? profondi nella��economia, nella societA� e nella politica. Cambiare la terra coltivata e non, diventa
aspirazione ad una Terra diversa a�� e, ci auguriamo, migliore.
Questo A? a�?Sognare la Terraa�?.

IL METODO

Attraverso un dialogo autocorrettivo, paritario e orientato da interessi condivisi, la ComunitA� di Ricerca Filosofica permette di intraprendere un percorso di costruzione sociale della conoscenza.

In seno alla ComunitA� di Ricerca i partecipanti imparano a criticare i ragionamenti deboli e a creare ragionamenti forti; imparano a farsi carico della responsabilitA� di dare il loro contributo insieme agli altri, ad impegnarsi nella solidarietA� reciproca e nella auto-correzione del gruppo.

Questa voce è stata pubblicata in Sognare la Terra - Cultura KM Zero e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *